Napoleone e Murat si riscoprono pop al convegno tolentinate di Biumor e Popsophia

Napoleone e Murat si riscoprono pop  al convegno tolentinate di Biumor e Popsophia
Numerosissimo il pubblico accorso in Sala Mari per l’iniziativa di BIUMOR e Popsophia dedicata alla Battaglia di Tolentino. Il pomeriggio si è aperto con un viaggio nel tempo fino ai primi anni dell’’800 grazie al lavoro di ricerca degli studenti dell’Istituto “Francesco Filelfo”. “Mi congratulo con i ragazzi che si sono messi alla prova ottenendo un risultato straordinario nonostante la giovane età” ha commentato durante la presentazione la coordinatrice e presidente dell’Unitre Mirella Valentini. 
 
Una società a cavallo tra ancien regime e modernità presentata attraverso documenti storici inediti e testimonianze di vita quotidiana: dai metodi d’insegnamento, ai finanziamenti per l’industrializzazione fino alle documentazioni ormai perdute degli spettacoli di lotta dei cani e dei buoi che animavano la piazza tolentinate e le tifoserie locali. 
 
È stato poi il turno di un’altra realtà formativa che figura tra le eccellenze del territorio, l’istituto “Renzo Frau”, rappresentato per l’occasione dalla prof.ssa Luciana Mariani: “A ottobre vi sorprenderemo. Abbiamo deciso di realizzare i vestiti dell’epoca con gli stessi materiali e metodi dell’800”. 
Il ricordo di Paolo Scisciani - ideatore, fondatore e presidente dell’associazione Tolentino 815 fino alla scomparsa nel gennaio 2014 - ha invece aperto l’intervento di Marco Attili dedicato alle armi e alle strategie della famosa battaglia di cui quest’anno ricorre il bicentenario. 
 
In chiusura Evio Hermas Ercoli, direttore della Biennale Internazionale dell’Umorismo dell’Arte, ha appassionato la platea con una lucida e intrigante analisi del rapporto tra filosofia napoleonica, Italia ed Europa continentale. “La storia d’Italia e di Tolentino è legata a doppio filo alla figura di Napoleone e di Murat: personaggi radicali, giacobini e militari.” Ha affermato Ercoli soffermandosi sull’importanza di Napoleone e della Grande Armée nella formazione delle istanze indipendentiste nella penisola. Un progetto economico, politico e filosofico - quello napoleonico – portato avanti tramite lo strumento della guerra e della selezione iniziatica del Grande Oriente, a cui lo stesso Murat ha fortemente contribuito nel ruolo di gran maestro. 
 
 “Napoleone ha inventato la modernità, gettando le basi delle attuali forme della leadership carismatica e della comunicazione di massa. Il Bonapartismo ha lasciato una vivida impronta nelle vicende politiche ed economiche contemporanee – ha concluso Ercoli – per questo insieme a Popsophia ogni anno, nella prima settimana di maggio con la ricorrenza murattiana della battaglia e quella napoleonica del 5 maggio, realizzeremo a Tolentino una serie di appuntamenti che rivisiteranno attraverso la sterminata iconografia pop questo periodo attualissimo.”
 
 
 
 
 

News

Cena Medievale di fine anno al Castello della Rancia
Meridiana Cooperativa Sociale e la Eventi Diversi, con il patrocinio del Comune di Tolentino,  hanno ideato un Evento che ci porterà indietro nel tempo esattamente nel XIV secolo facendoci sentire, per la serata di fine Anno, come all’interno di una novella del tempo dove ognuno sarà protagonista. La serata “Anno Domini 2018 alla Corte della Rancia” propone, quindi, un Evento per festeggiare il Capodanno in Stile Medievale dove il Castello di Tolentino e il Suo Territorio diventano ideale scenografia culturale e d’ambientazione.
Incantevole Castello, suggestiva meta d'autunno
Novembre, con i suoi caldi colori d’autunno, vi invita ad una piacevole visita al Castello della Rancia a Tolentino
Castello Aperto
Castello della Rancia di nuovo aperto e fruibile dai vistatori
Chiusura odierna per attività organizzazione evento
Ci scusiamo con i visitatori e appassionati, il Castello della Rancia, rimarrà nella giornata di oggi, giovedì 2 novembre 2017, chiuso per operazioni di ripristino.
casper, gran finale con Mecò e i belli dentro
Finale imperdibile oggi al Castello della Rancia di Tolentino, Casper chiude con Mecò, il clan dei  belli dentro, una cena a buffet e dj set
Castello della Rancia, emozioni uniche
Immerso nel verde del centro Marche, tra le dolci, verdi colline della provincia di Macerata, il Castello della Rancia di Tolentino regala emozioni uniche Regalatevi un week end in una terra di grande generosità, rigogliosa e invitante. I colori delle stagioni, esaltano, durante l'intero anno, l'architettura di questo gioiello storico. La bellezza del paesaggio e le tante iniziative dei paesi limitrofi, riempiranno le ore del vostro soggiorno marchigiano. All'interno della struttura, dal 2000, viene ospitato il Museo Civico Archeologico “Aristide Gentiloni Silverj.
Casper Castello della Rancia Tolentino
Al Castello della Rancia, un martedì all'insegna del divertimento con Casper un fantasma e tante attrazioni Piccoli e grandi pronti al gran finale con Casper, al Castello della Rancia di Tolentino, martedì 31 ottobre 2017, una giornata evento da non perdere. Martedì, si inizia alle 16,00 e, in un crescendo di animazione ed eventi, Casper, vi riserverà un pomeriggio-sera a tutta allegria.
Biumur
A Tolentino dal 25 al 27 agosto torna la quinta edizione di BIUMOR, il festival dedicato alla Filosofia dell’Umorismo, organizzato dall’Associazione Popsophia in collaborazione con l’Amministrazione Comunale e la Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte di Tolentino
Il Museo Internazionale dell'Umorismo nell'Arte partecipa all'evento inaugurale della rinascita del Politeama con la mostra "Cinema in caricatura".
Compagnia della Rancia 1983-2013: trent’anni di spettacoli
Grazie alla collaborazione con il Comune di Tolentino, nell’ambito della XXVII edizione della Biennale Internazionale dell’Umorismo nell’Arte, nel salone del secondo piano del Castello della Rancia (da cui prende il nome la Compagnia), l’11 luglio del 2013 veniva inaugurata la mostra “Compagnia della Rancia 1983-2013: trent’anni di spettacoli” organizzata dal Centro Teatrale Sangallo (la scuola di teatro fondata e diretta da Saverio Marconi nel 1980 a Tolentino, da cui è nata la Compagnia della Rancia nel 1983).